GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

domenica 29 aprile 2012

INTER, VITTORIA CON VISTA CHAMPIONS

Serie A 2011-2012 – 35^ Giornata
INTER - CESENA 2 - 1
57' Ceccarelli - 59' OBI – 72’ ZARATE

INTER (4-3-2-1) Castellazzi; Maicon, Lucio, Ranocchia, Nagatomo; Guarin, Cambiasso, Obi; Alvarez (dal ’21’ s.t. Zarate), Sneijder (dal ’35’ s.t. Poli); Pazzini (dal ’15’ s.t. Milito)
A disp.: Orlandoni, Cordoba, Faraoni, Forlan.
All.: Stramaccioni
CESENA (5-3-1-1) Antonioli; Ceccarelli (dal ’40’ s.t. Djokovic), Benalouane, Von Bergen, Rodriguez, Comotto (dal ’19’ s.t. Martinho); Santana, Guana, Parolo; Mutu (dal ’30’ s.t. Lolli); Iaquinta .
A disp.: Ravaglia, Rossi, Arrigoni, Malonga.
All.: Beretta
Arbitro: Romeo

Con qualche affanno l’Inter porta a casa la vittoria contro il Cesena e vede il terzo posto. Stramaccioni rilancia Pazzini dal primo minuto al posto di Milito mentre a centrocampo Obi e Guarin affiancano Cambiasso, in porta Castellazzi sostituisce Julio Cesar alle prese con un problema al gomito.
Con i romagnoli ormai retrocessi è l’Inter a dover fare la partita. I nerazzurri sono padroni del campo, fanno girare palla, costruiscono molto ma sono imprecisi nei metri finali. E nelle rare occasioni in cui inquadrano la porta trovano in Antonioli un avversario insuperabile. Nonostante gli sforzi i nerazzurri non riescono a sbloccare la gara nel primo tempo.
Ad inizio ripresa arriva la doccia fredda, contropiede del Cesena che coglie impreparata la difesa nerazzurra e Ceccarelli infila Castellazzi. A sorpresa è il Cesena a trovarsi in vantaggio. Vantaggio che però dura solo due minuti. Sul tiro di Obi c’è la deviazione decisiva di Von Bergen che spiazza Antonioli. Ristabilita la parità, l’Inter prova a trovare il colpo vincente.
Milito sostituisce Pazzini mentre Zarate subentra a Alvarez. E sono proprio i due argentini al 72esimo a confezionare il gol della vittoria. Lancio per Milito che tira in porta, Antonioli respinge, Zarate trova sulla strada un difensore cesenate, palla a Guarin che crossa in area dove l’ex laziale, indisturbato colpisce di testa e realizza il 2-1. E’ il gol che deicide la partita nonostante qualche timida reazione degli avversari e un paio di buone occasioni per i nerazzurri per arrotondare la vittoria.
L’Inter porta a casa i tre punti e aggancia momentaneamente Lazio e Napoli al terzo posto in attesa di Udinese-Lazio di questa sera. Quello che qualche settimana fa sembrava un obiettivo irraggiungibile è diventato improvvisamente concreto.
Buona la prova della squadra, ha fatto circolare palla, ha creato gioco, si è resa pericolosa. Bene la prestazione di tutti. Anche se alcuni hanno un po’ ecceduto nel voler tentare la giocata personale o il tiro da fuori. Inoltre la fase difensiva lascia molto a desiderare per la quarta volta su sei gare della gestione Stramaccioni siamo andati in svantaggio e quasi sempre con avversarie non fortissime (Cagliari, Siena, Udinese e oggi Cesena).
Il rush finale è da incubo: Parma in trasferta, derby in casa e Lazio in trasferta. Se riusciamo a centrare l’obiettivo del terzo posto con queste tre partite, Stramaccioni meriterà sicuramente la riconferma. Riconferma che, come scritto in più di un’occasione, meriterebbe a prescindere. Al suo esordio assoluto in serie A ha finora centrato quattro vittorie e due pareggi ed è ancora imbattuto. Vado a memoria ma finora né Benitez, né Leonardo, né Gasperini, né tantomeno Ranieri, erano riusciti a rimanere imbattuti nelle prime sei gare sulla panchina nerazzurra. Se il buongiorno si vede dal mattino…

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

5 commenti:

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

E' già difficile giudicare un allenatore con qualche anno di carriera alle spalle, figuriamoci uno che al termine di questa stagione avrà collezionato solo 9 presenze in panchina: Stramaccioni andrà riconfermato solo se si crede veramente in lui e non sull'onda emotiva di un eventuale e miracoloso terzo posto...ciao!

Brother ha detto...

Adesso arriva il difficile. Parma, Milan e Lazio sono tre sfide molto impegnative, raggiungere l'obiettivo terzo posto é impresa ardua

Winnie ha detto...

Tre punti pesanti al termine di una gara complicata anche per merito del Cesena. A questo punto tutto é possibile, anche conquistare nove punti nel rush finale.

Vincenzo ha detto...

Gara complicata forse è troppo. Alla fine il 2-1 è un risultato ampiamente generoso per il Cesena, potevamo tranquillamente vincere con 4 o 5 gol di scarto.

Ciao!

Nicola ha detto...

L'obiettivo terzo posto rimarrà un sogno. Non solo bisogna vincerle tutte ma dobbiamo anche sperare che il Napoli perda qualche punticino

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails