ARTICOLI RECENTI

venerdì 5 febbraio 2010

E' UNA B DI QUALITA'

Era da un po' di tempo che non parlavo di Serie B e questo articolo (scritto da una giornalista che personalmente apprezzo molto) è l'occasione per fare un punto della situazione nella serie cadetta.
Mi ritrovo a guardare la classifica di B dopo la 23^ giornata, ripercorro nella mia testa tutti i flash del sabato appena passato e mi convinco sempre di più di una cosa: che questo campionato è il più confusionario degli ultimi anni. Tanti dubbi e pochissime certezze. Quest'anno il torneo cadetto è un vero rompicapo, altro che i rebus della settimana enigmistica. Oltre a non avere padroni non riesco nemmeno ad immaginare quale squadra possa andare in fuga e candidarsi alla promozione diretta. Alcune sensazioni mi dicono che il Lecce andrà in serie A perchè sembra aver passato il momento più difficile (quello alla fine del 2009) e dà l'impressione di essere la squadra più solida e completa del campionato con alla guida un allenatore esperto come De Canio che conosce molto bene la cadetteria. Da qui a dire, però, che la strada è totalmente in discesa ce ne vuole. L'anno scorso di questi tempi avevamo molte più sicurezze, Bari e Parma non avevano ancora preso il largo, ma i segnali che mandavano erano quelli di squadre predestinate e troppo più forti delle altre. Quest'anno l'equilibrio regna sovrano, perchè ci sono tante formazioni raccolte in pochi punti che danno l'impressione di equivalersi. Non vedo al momento grosse differenze tra Sassuolo , Cesena, Ancona e Brescia. Il paradosso è che una squadra può permettersi di perdere anche 3-4 partite di fila senza vedere svanire le proprie speranze playoff (è il caso del Frosinone). Attenzione, il bello di questo torneo è che vale anche il contrario. Prendete l'esempio del Crotone, a fine 2009 era la squadra più in forma, aveva centrato 8 risultati utili di fila che lo avevano addirittura issato a ridosso della zona playoff. Sono bastate 3 sconfitte consecutive per far precipitare l'undici di Lerda al quart'ultimo posto in piena bagarre salvezza. Adesso a sognare l'aggancio al treno playoff si ritrovano Albinoleffe e Ascoli, squadre che hannpo già cambiato allenatore e che fino a qualche tempo fa sembravano in caduta libera. Come sembrava in caduta libera il Torino , invece sono bastate due partite per capire che i granata se la possono ancora giocare non solo per i playoff ma, perchè no, anche per la promozione diretta. Marzo come al solito sarà il mese chiave e sicuramente capiremo qualcosa di più. Che non si dica però che questa serie B ha poca qualità. Per convincervi del contrario vi dico: andatevi a rivedere le ultime prodezze di Caracciolo e Antenucci e l'azione del primo gol del Sassuolo contro il Vicenza . Vi ho convinto? (TUTTOB)

CLASSIFICA DOPO 23 GIORNATE
Sassuolo 42 Lecce 42 Cesena 39 Ancona 37 Grosseto 36 Brescia 35 Empoli 34 Frosinone 34 AlbinoLeffe 32 Modena 32 Torino 31 Ascoli 31 Cittadella 29 Gallipoli 29 Vicenza 28 Triestina 27 Padova 26 Reggina 26 Mantova 25 Crotone 25 Piacenza 24 Salernitana 15

VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE
POST CONSIGLIATI
* Serie B. La Sorpresa Delle Neopromosse E Le Big In Difficoltà

*************************************************************************** 

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! ***************************************************************************

3 commenti:

Pakos ha detto...

Confermo. E' una B diqualità. La lotta per la promozione è sicuramente più interessante della lotta scudetto. Non c'è nulla di scontato. Le protagoniste dovevano essere Torino e Reggina che invece annaspano e tra le prime troviamo sorprese come Sassuolo e Cesena.

Winnie ha detto...

Peccato che il torneo cadetto non abbia la dovuta visibilità. E' un campionato interessante e spettacolare. Tutte le squadre sono sullo stesso piano e spesso si vedono partite molto belle.

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

A me sembra il solito campionato invece, sempre abbastanza livellato e imprevedibile...con 22 squadre il livello qualitativo non è eccelso e non potrebbe essere altrimenti...ciao!